Il sottoportico delle gomme

marzo 13, 2009

foto di Giacomo Cosua

 

C’è un sottoportico a Venezia dove la volta è piena di gomme da masticare, lasciate lì da chi è passato negli anni. Ci cammini sotto e le vedi, le cicche. Gomme alla menta, alla fragola, per denti bianchi o succose che ci hai fatto i palloni con la bocca per mezz’ora.
Mi è tornato in mente mentre mi chiedevo se esiste un paradiso non solo per i calzini spaiati ma anche per gli affetti andati a male, quelli che sono inciampati nelle incomprensioni o nell’indifferenza. I ti voglio bene e i ti amo che si sono nascosti troppo e sono rimasti soli. O quelli che hanno urlato di gioia ma hanno avuto a che fare con i sordi. E poi gli affetti che, come le gomme da masticare, li mastichi finché sono dolci e poi li attacchi al soffitto e te ne vai quando ti lasciano in bocca il gusto della gomma. Ci vorrebbe un sottoportico anche per loro, passi e lasci l’affetto orfano, integro o mangiucchiato che sia, attaccato alla volta. Almeno tutti assieme, si sentirebbero meno inutili

Annunci

5 Risposte to “Il sottoportico delle gomme”

  1. Caigo Says:

    Un sottoportico per gli affetti..per i sentimenti… potrebbe essere troppo alto per le nostre braccia.
    Magari non riusciremmo ad “appiccicare” la nostra (simbolica) cicca 🙂

  2. michiamomitia Says:

    No Caigo, a Venezia è alto a sufficienza. Forse proprio perché ci permette di appiccicarle quelle cicche, e di vederle così, ogni volta che ci passiamo…

  3. Caigo Says:

    Non ne dubitavo 😉
    La prossima volte che passo per Venezia vedrò di farci caso

  4. gentildonna Says:

    ma come dovrebbe funzionare questo sottoportico? ognuno potrebbe appiccicare a casaccio nel primo posto libero? oppure avrebbe il proprio spazietto personale per gli affetti consumati da appiccicare via via uno sull’altro tipo stalattiti? 🙂

  5. michiamomitia Says:

    se ci fosse una comuntà organizzata, ci sarebbe di conseguenza l’ordine, ma come avviene per le cicche, si mettono dove c’è spazio in un bel caos di affetti andati a male, una bella tribù sorridente. No?


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: